Domenica, 5 luglio 2020

Chris Cornell "Carry On" (Interscope Records/Universal)

Chris Cornell - Carry OnAtteso, anzi attesissimo, il nuovo album di Chris Cornell, ex Soundgarden, ex Audioslave, ora finalmente (e pare definitivamente) in versione solista. Un disco ricchissimo, 15 canzoni, alcune delle quali abbiamo già avuto occasione di ascoltare in radio e anche al cinema ("You Know My Name" dall'ultimo 007). Una voce straordinaria che si districa tra rock graffiante e grezzo, al pop, alle ballate.

Chiuso in modo non proprio consensuale il rapporto con gli Audioslave ("A Tom Morello non piacciono i Beatles, che sono la mia band preferita, e lui adora Springsteen, che a me non fa impazzire. Non devo più condividere le influenze con nessuno nella band"), Cornell ha già ottenuto consensi anche nel nostro paese, proprio la settimana scorsa all'Alcatraz di Milano dove vecchi e nuovi fans lo hanno osannato e sono impazziti al suo show di presentazione di "Carry On". Già, continuare, non fermarsi. Sembra una parola d'ordine per questo duro dal cuore tenero del rock and roll che afferma "Carry on è il mio disco più libero, nei riferimenti, nei suoni.Posso scegliere la musica, le canzoni da portare sul palco... Non devo mediare con nessuno". Anche la produzione è in linea con questa "metamorfosi". E' infatti Steve Lillywhite il personaggio scelto da Cornell per affiancarlo in studio, uno più orientato sul pop-rock che sul rock puro. "Mi hanno suggerito Steve da una lista, mi piaceva l'idea di un produttore non specializzato sul rock, che non arrivasse con la sua lista dei trucchi di studio, ma che dovesse partire con me da zero. Ci siamo trovati bene”.

E in effetti il risultato sembra davvero far ben sperare. Il disco è veramente molto vario nei generi e negli arrangiamenti. "No such thing" rappresenta l'episodio più arrabbiato mentre le ballad da segnalare, oltre ad una versione rallentata di "Billie Jean" di Michael Jackson, sono certamente "Finally forever" e il secondo singolo "Arms around your love". Interessante anche il funky di "Today".

Martedì, 29 maggio 2007