Giovedì, 2 luglio 2020

Maroon 5 "It Won't Be Soon Before Long" (Octone/Universal)

Maroon 5 - It won't be soon before longCinque anni di attesa, dieci milioni di copie vendute dell'album di debutto "Songs About Jane". Aspettative alte, timori, dubbi, vicissitudini anche tristi (il batterista Ryan Dusick ha lasciato la band per un serio problema muscolare alle braccia). I Maroon 5 sono finalmente usciti con il loro nuovo lavoro intitolato "It Won't Be Soon Before Long" e un assaggio del possibile bis a livello di successo se lo stanno già gustando grazie al singolo che lo ha anticipato "Makes Me Wonder", primo in classifica negli Stati Uniti, in Inghilterra e terzo tra i brani più programmati nel nostro paese.

Gli altri undici brani che compongono l'album segnano da una parte un cambiamento rispetto a prima, una virata verso un pop energico, molto accattivante con una pulizia di suono e una tale cura degli arrangiamenti che risulta quasi maniacale. Al disco hanno infatti lavorato ben 4 produttori perchè, come hanno ammesso i Maroon 5 stessi "E' importante avere più pareri, opinioni fresche su quello che fai; avere più punti di vista e prospettive anche esterne. Abbiamo imparato molto da ciascuno di loro. E poi noi vogliamo essere come i Simpson: piacere anche al pubblico sotto i 10 anni e a quello sopra i 50!". Riusciranno nel loro intento questi Maroon 5? I presupposti ci sono, dato che ascoltando il disco è facile intuirne anche alcune ispirazioni eccellenti, dai Police a Peter Gabriel per arrivare al pop di qualità anch'esso più vicino all'Inghilterra che agli Stati Uniti. Gli episodi in questo senso sono principalmente le tracce 4 e 5 "Wake Up Call" e "Won't Go Home Without You".

"It Won't Be Soon Before Long" è un disco che può realmente acchiappare all'istante e ci sentiamo di dire che è pure azzeccato il periodo di uscita, a cavallo tra primavera ed estate. Se vi va di testarlo in macchina con i finestrini aperti, il gusto è assicurato, anche nel caso in cui questo album non sia di vostro gradimento.

 

Martedì, 22 maggio 2007