Domenica, 5 luglio 2020

Linkin' Park - MINUTES TO MIDNIGHT (Warner Bros. Records)

Linkin Park - Minutes to Midnight"L'attesa è finita": così recita lo slogan dello spot tv che promuove il disco di cui parliamo oggi, giocando anche sul titolo "Minutes To Midnight" dei sorprendenti Linkin' Park. Usiamo questo aggettivo perchè il nuovo lavoro della band di Los Angeles, a lungo preannunciato come una svolta nel genere nu-metal, riesce nel suo intento. La presenza di Rick Rubin alla produzione si fa sentire parecchio: dopo aver lavorato a 28 brani dei Red Hot Chili Peppers per "Stadium Arcadium", crediamo che qualche spunto piccante lo abbia messo pure in questo disco, soprattutto nei brani rappati.

Considerando i 14 mesi di lavoro in studio, scegliendo tra oltre 100 demo e rispolverando anche strumenti vintage (Una drum machine utilizzata dai Beastie Boys nel loro primo storico album), i Linkin' Park hanno veramente sperimentato e aggiunto al loro già consolidato stile, quel tocco in più che vecchi e nuovi fans si aspettavano. 12 sono le tracce che compongono "Minutes To Midnight" con una prevalenza di ballate e mid-tempo. Una paio di brani veramente cattivi che pescano a piene mani dal punk più incazzato, un singolo ("What I've Done") che è già un tormentone del momento ma ciò che colpisce è la precisione adottata da Mike Shinoda e compagni durante tutta la durata dell'album.

Da segnalare su tutti i brani "Leave Out All The Rest" in corsa come probabile futuro singolo, "Bleed it out" che riporta alle atmosfere dei "vecchi" Linkin' e la bellissima conclusione di oltre sei minuti intitolata "The little things give you away" che ci dimostra come la band sia abilissima anche con le canzoni acustiche.

 

Martedì, 15 maggio 2007