Domenica, 5 luglio 2020

Wlico "Sky Blue Sky" (Nonesuch/Warner Music)

Wilco - Sky Blue SkyTra i 250 dischi della vita di Luciano, resi noti nel volume "Sulla Sua Strada", ci sono ben tre album dei Wilco. Il PDA di oggi è proprio dedicato a questa band di Chicago, che alcuni di voi sicuramente conosceranno e che con il tempo, album dopo album è diventata sempre più di culto grazie alla capacità di riuscire a mescolare il rock acustico con il country ma non solo. Per qualche tempo sono stati definiti la risposta americana ai Radiohead. Il gruppo di Thom Yorke si è però forse troppo spinto oltre con la sperimentazione, mentre i Wilco hanno mantenuto comunque il loro "esplorare" entro certi limiti ed anzi, con questo disco "Sky Blue Sky", si sono presentati in una veste più classica, quasi a voler sottolineare da dove provengono artisticamente.

Pur avendo spiazzato molti sostenitori storici che attendevano un disco "alla Wilco", con sapori più malinconici, maggior senso di inquietudine e smarrimento, questo è un album di cui si sente in generale parlare molto bene probabilmente perchè anche nella sua inconsueta pulizia e ritorno a certa classicità, i Wilco sono comunque riusciti a dare un'impronta fortemente personale ai dodici brani che lo compongono. Ci sono riferimenti soul ("Shake it off"), rock anni 70 ("Hate It Here") e folk ("You Are In My Face"). E non mancano alcune impennate elettriche molto care a chi da sempre li segue ("Side With The Seeds"). Abbiamo letto da qualche parte che "Sky Blue Sky" è il disco più completo dei Wilco, una sorta di punto d'arrivo dove tutto è stato meravigliosamente mescolato e reso classico, facilmente fruibile ma senza scadere nel banale.

Siamo d'accordo ma ci permettiamo di dire che pur sembrando un disco immediato va ascoltato attentamente. Insomma, non è una robetta da tenere in sottofondo mentre si fa altro. E' un viaggio dove occorre rimanere attenti e svegli. Siete d'accordo?

 

Martedì, 5 giugno 2007